fbpx
Zip Travel Group

Profumo di spezie e meditazione. Passeggiate sulla spiaggia e conoscenza di sé, yoga e templi hindu. Una meta per scoprire i principi della “scienza della vita”: è l’India ayurvedica. La medicina ayurvedica mira ad allungare e migliorare la vita dell’essere umano in armonia con la natura. Culla della sapienza ayurvedica è il Kerala

Il Kerala è chiamato “il paese degli Dei” per l’abbondanza delle risorse naturali immerse in una vegetazione lussureggiante, permette di vivere con i migliori maestri indiani la meditazione, lo yoga e il mondo ayurvedico. Si trova nella parte sud occidentale dell’India, sul Mare Arabico. Grazie alle sue lunghe distese di spiagge bianche e sabbiose, alle acque pulite e al clima temperato che permette un’abbondanza di fiori tropicali e palme di cocco, ai suoi bacini lacustri, alla fitta rete di canali nell’entroterra e al suo evoluto e complesso stile architettonico, il Kerala è l’ambiente ideale per il profondo rilassamento e ringiovanimento.

La medicina ayurvedica è un complesso sistema medico che comprende aspetti di prevenzione e di cura finalizzati ad allungare e migliorare la vita dell’essere umano in armonia con la natura. “Conoscere la vita” (ayurveda) significa capire che l’uomo, costituito da corpo e mente, sensi e anima, essendo parte integrante della natura al pari di tutte le forme viventi, è sottoposto alle sue leggi anche per quanto concerne salute, malattia, guarigione e morte. Per la medicina ayurvedica, dunque, equilibrio tra uomo e ambiente significa salute, mentre squilibrio sta per malattia.

Trivandrum, la capitale del Kerala, rappresenta senz’altro una delle principali destinazioni Ayurveda dello stato. La particolarità che rende le tecniche Ayurveiche usate in Trivandrum estremamente famose, è data dall’abbondanza di foreste nei dintorni e dalla conseguente ricchezza di erbe naturali. Per godere al meglio di questi trattamenti e ricavarne il massimo, è consigliabile pianificare il viaggio nel periodo dei monsoni, cioè tra fine maggio e inizio dicembre. 

Per chi è in cerca di un programma più soft, e soprattutto non ha tanti giorni, l’ideale è fermarsi in un resort in riva al mare come il Kannur Ayurvedic Centre nel Wayanad, il Jeevan Ayurvedic Beach Resort con balconi a picco sulle onde o il Somatheeram, pluripremiato con la palma del primo resort ayurvedico al mondo. Il Somatheeram si trova a Chowara Beach ed è immerso in oltre quindici acri di verde e, nel giardino botanico, fioriscono oltre seicento varietà di erbe che forniscono gli ingredienti per molti medicinali ayurvedici. Direttamente sulla spiaggia c’è il Manaltheeram Ayurveda Beach Village, che si affaccia su chilometri di sabbia dove passeggiare e ammirare lo spettacolo dei pescatori che di primo mattino recuperano dal mare le reti di pesci. 

I trattamenti ayurvedici più noti anche in occidente sono principalmente i massaggi e i fanghi. Utilizzando oli naturali e unguenti specifici, ai benefici dei trattamenti si uniscono quelli dei conduttori usati per far scivolare le mani sul corpo con particolare benessere dell’epidermide che ne acquisterà luminosità, morbidezza e idratazione. 

Un aspetto affatto trascurabile dei trattamenti ayurvedici è che, in condizioni normali, non presentano il minimo effetto collaterale e sono adatti anche alle categorie più delicate; alcuni massaggi sono rivolti e consigliati persino ai neonati. Anzi, alcuni di essi sono sotto esame da parte di centri di ricerca perché potrebbero essere indicati anche per il recupero di soggetti malati o con problemi soprattutto di natura ossea o muscolare oppure derivanti dallo stress.

Lascia un commento

Chiudi il menu
×